Criptovalute: il boom continuerà o è destinato a sgonfiarsi?

criptovalute il boom

Di criptovalute si parla con sempre maggiore insistenza e, d’altronde, non c’è di che stupirsi: stiamo infatti discutendo di uno degli asset più controversi del recente passato, e di uno dei “simboli” del mercato finanziario contemporaneo.

Quanto basta per potersi esprimere in maniera non sempre contraddistinta da grande consapevolezza, e per poter valutare sul futuro del settore delle criptovalute diversi elementi di aleatorietà.

Al fine di arricchire di ulteriori valutazioni quanto sopra, riflettiamo per qualche minuto su quelle che potrebbero essere le sorti dei bitcoin. Come anticipato dal sito internet www.criptovalute24.com, infatti, i bitcoin – quale “simbolo” delle criptovalute, sembrano perennemente viaggiare nella sottile linea di confine che separa il consolidamento del proprio successo alla formazione di una bolla senza precedenti, basata in maniera esclusiva sulla speculazione.

Percorrendo per un attimo questa seconda linea di pensiero, gli elementi di supporto sembrano d’altronde essere di grande rilievo. Si pensi per esempio al fatto che – pur ammettendo che la blockchain sia una tecnologia davvero rivoluzionaria, e che il bitcoin sia il nuovo oro” del futuro, e che ancora bitcoin sia la moneta di riferimento di riserva per le ICO – sia evidentemente strano vedere il valore di un asset raddoppiare nell’arco di soli due mesi senza che la sua applicazione e senza che le sue fondamenta siano cambiate in maniera sostanziale e, anzi, con una crescente divergenza tra il volume di transazioni in bitcoin e il prezzo di mercato.

Dunque, se quanto sopra è vero, è anche vero che i bitcoin possono essere intesi come una pericolosa preda in mano agli speculatori. Limitarsi all’interpretazione di cui sopra sarebbe però probabilmente troppo restrittivo. Perchè, in fin dei conti, bitcoin è in grado di soddisfare tutti i requisiti delle monete tradizionali, aggiungendo anche qualche funzione aggiuntiva.

I bitcoin – come le monete – possono infatti essere unità di conto, riserve di valore e mezzi di scambio, e possono farlo con caratteristiche uniche, quali quelle che vengono loro garantite dalla presenza delle blockchain. Intuibilmente, nel futuro non è ancora certo se i bitcoin saranno solamente uno strumento di speculazione (come oggi, ancora, avviene in via prevalente) oppure una riserva di valore, come l’oro.

Probabilmente, per poter elevare i bitcoin dalla prima alla seconda funzione, sarà necessario procedere a diverse altre evoluzioni positive. Per esempio, è noto che i bitcoin sono ancora troppo “costosi” in termini di transazioni, con commissioni troppo elevate che rendono dunque questa criptovaluta poco adatta a poter essere utilizzata per i regolamenti di piccolo o medio importo.

Ancora, è anche vero che i bitcoin – così come molte altre criptovalute – sono molto lenti, e che impiegano dieci, venti o più minuti per poter portare a compimento una transazione. Insomma, inefficienze che almeno per il momento rendono difficile poter pensare ai bitcoin come al nuovo oro o come a una nuova moneta di scambio, ma che potrebbero portare a un mondo con diverse criptovalute di riferimento principale (come oggi solo i bitcoin sanno fare), con diverse funzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi