Valute virtuali: è ancora possibile investire in questo ambito?

valute virtuali

Il 2017 sarà ricordato certamente come l’anno dei bitcoin. La moneta virtuale infatti ha avuto un aumento del suo valore pari a 10 volte quello di inizio anno, con punte che a in novembre e dicembre sembravano voler superare i 20.000 dollari di valore per un singolo bitcoin.

La fine dell’anno ha portato ad un importante scivolone, con valori a inizio 2018 vicini ai 12.000 dollari per bitcoin. Visto che a dicembre 2016 un bitcoin valeva poco meno di 1.000 dollari è chiaro che chi ha investito in questo campo ha ottenuto un aumento di capitale decisamente significativo. Ma oggi? É ancora possibile investire in criptovalute?

Cosa avverrà domani

Oggi non è possibile fare delle previsioni bitcoin che abbiano un verto peso. Le peculiarità di questo tipo di valuta la portano ad avere quotazioni altalenanti nel corso del tempo, seguendo esclusivamente le leggi di mercato. Il “crollo” di fine anno poteva essere previsto, in quanto moltissimi investitori tendono a monetizzare quanto guadagnato nel corso dell’anno.

Quello che ci si può attendere è che nel corso dei prossimi mesi il valore dei bitcoin potrebbe continuare ad aumentare, ma solo se i mercati continueranno a dimostrarsi interessati a questa particolare criptovaluta. Sono però molti gli analisti che dichiarano come quella delle criptovalute sia una bolla speculativa, che prima o poi scoppierà, lasciando molti investitori con un pugno di mosche.

Quando questo avverrà però non è dato saperlo, molto dipende anche dal comportamento che i governi manterranno nei riguardi di tutte le criptovalute.

Investire in bitcoin

Per un investitore con un piccolo capitale entrare nel mondo dei bitcoin non è cosa facile. Del resto una singola moneta vale più di 12.000 dollari, è chiaro che per acquistarne una buona quantità si devono investire cifre significative. Questo è forse il motivo che ha portato tanti investitori a inserire il proprio denaro in altre monete digitali, come ad esempio gli XRP o gli ethereum.

Si tratta di criptomonete del tutto simili al bitcoin, ma create da altre organizzazioni o società. Proprio come è avvenuto in passato per i bitcoin, anche queste monete stanno avendo un elevato aumento di valore, ma visto che stiamo parlando di valori di base abbastanza bassi (circa 2 dollari per un XRP, circa 700 per un ethereum), anche chi intende cominciare il suo investimento con una cifra minima, diciamo intorno ai 1.000 dollari, lo può fare con estrema tranquillità, senza temere di perdere capitali elevati nell’operazione e permettendosi un acquisto che può essere sostanzioso.

Anche in questo caso però non è possibile fare previsioni su cosa avverrà in futuro, visto che il valore di una qualsiasi criptovaluta dipende da quanto essa è richiesta dagli investitori stessi. Più la richiesta è elevata e maggiore sarà il valore, seguendo la tradizionale legge della domanda e dell’offerta.

Visto che ancora molte persone intendono entrare in questo business, sembra realistico pensare che i guadagni saranno presenti ancora per molti mesi. Certo è che nessuno può prevedere con certezza cosa avviene nei mercati mondiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi